Nudo artistico: il servizio fotografico

0

Trovata la modella o il modello e deciso il posto dove scattare le foto, arriva il momento di fare il servizio. Scopriamo quindi come prepararcie come comportarci con la modelladurante gli scatti.

 Il giorno del servizio

Arriva il momento di fare il servizio, avete la modella o il modello e avete deciso il luogo dove scattare le foto. Prima di cominciare dovrete preparare tutto il necessario e il giorno in cui avrete concordato con la modella o il modello di fare il servizio, dovrete comportarvi sempre in modo professionale e distaccato. Può sembrare facile ma se siete alle prime armi  con la fotografia di nudo dovrete entrare nella mentalità giusta per evitare brutte figure e soprattutto per non risultare poco professionali.
Vediamo quindi come prepararci al servizio e come comportarci durante lo svolgimento del lavoro.

Preparazione del servizio

La preparazione del servizio è una cosa che molti fotografi alle prime armi non fanno, lasciano all’ispirazione del momento la decisione di come posizionare la modella e disporre le luci. In questi casi il risultato sarà per lo più è disastroso, anche se decidete di lasciar fare alla modella o al modello, magari più esperti di voi nelle pose. Prima di cominciare quindi, è bene raccogliere le idee il giorno prima e preparare tutto quello che può servire.
La prima cosa a cui dovete fare attenzione è che state facendo foto di nudo, dovrete quindi pensare: che tipo di foto voglio fare? Qui dovrete decidere se creare una foto di nudo artistico o glamour, o magari fetish. Pensate poi a come sistemare la location, cercate i punti migliori e pensate a come si potrebbe inserire in quel contesto la modella, magari potrebbe essere utile qualche accessorio, come un paio di scarpe di un particolare colore, in questo caso procuratevi quello che vi serve o chiedete alla modella se dispone del necessario. Se si tratta di un modello potreste invece ricorrere a delle cravatte o a un pio di occhiali da sole. In questi casi cercate di vedere prima questi accessori per valutarne lo stato e vedere se soddisfano le vostre aspettative. Un pio di scarpe rovinate infatti potrebbe costringervi a fare del fotoritocco che potreste evitare.
Una buona idea è prendere un foglio di carta e scrivere quello che volete fare, date un titolo alla foto che volete realizzare e scrivete tutto quello che può servire per farla, eventualmente potete fare anche un disegno schematico dell’ambiente che vi aiuti a ricordare come disporre tutti gli elementi. Se siete dei fotografi moderni tutte queste cose le potete fare con un iPad che potrete portare sempre con voi abbinato a una applicazione come Evernote, software utilissimo per gestire note e appunti.
Se riprendete in esterni, ricordatevi sempre di andare a visitare il giorno prima il luogo prescelto, per vedere se è cambiato qualcosa rispetto alla visita precedente, osservate quindi i luoghi che avevate scelto per fare le foto e provate a immaginarvi la modella immersa dentro, fate anche in questo caso degli schizzi per ricordarvi quello che avete pensato.
Come abbiamo già detto, una cosa molto utile è osservare quanto fatto da altri, su riviste e internet, cercate quello che vi piace e che vi può essere utile, e create un book fotografico con tutte le idee a cui volete ispirarvi, infatti spesso è difficile spiegare alla modella o al modello come posizionarsi, meglio allora avere una foto da mostrarle in modo che riesca a capire velocemente come disporsi sulla scena.
Prima che arrivi la modella o il modello è sempre una buona idea posizionare le luci, se lavorate in uno studio, o preparare tutto il materiale e gli accessori necessari, se invece decidete di fotografare all’aperto.
Per concludere il giorno prima del servizio ricordate alla modella di non indossare indumenti elastici come slip o reggiseni, calze autoreggenti, o cose simili, e al modello boxer e calze, questo perché questi indumenti lasciano degli evidenti segni sulla pelle che ci mettono più di un’ora per scomparire. Non a caso se avete visto in giro delle modelle avrete notato che girano sempre con vestiti larghi proprio per evitare questo inconveniente. Se non lo fate preparatevi all’idea di dover eliminare questi segni in post produzione con i programmi come Phooshop CC.

Il giorno del servizio

Il giorno del servizio ci sono alcune attività da svolgere prima dell’arrivo della vostra modella o modello: se lavorate in studio cominciate a disporre le luci e gli eventuali arredi per i primi scatti; se siete invece all’aperto, fate un controllo per accertarvi di avere tutto quello che vi serve prima di uscire e, anche se può sembrare banale, controllate la batteria della macchina fotografica e delle luci, spesso infatti non sono al 100% e potrebbe mollarvi sul più bello. Portate poi con voi una penna per prendere eventuali appunti e la liberatoria da far firmare alla modella.
Ricordatevi poi di impostare la fotocamera, scattate delle foto di prova nel luogo che farà da sfondo e tarate il bilanciamento del bianco e l’esposizione, controllate quindi di avere a portata di mano gli obiettivi e che il cavalletto funzioni correttamente (se lo usate), ricordatevi anche di prendere un paio di foto con il cartoncino 18% che vi può essere utile in fase di post produzione. Anche se alcune di queste cose sono facilmente sistemabili in post produzione, come sempre meglio lavorerete durante gli scatti meno lavoro dovrete fare dopo.
Infine non dimenticatevi di portare con voi tutto quello che può mettere a suo agio la modella: un po’ di musica, un paravento per spogliarsi, asciugamani se prevedete di fare foto posizionando la modella in acqua e un asciugamani o un accappatoio per permettere alla modella di coprirsi durante le pause.  Queste cose sono solo degli accorgimenti ma serviranno a dare alla modella un’idea della vostra professionalità.

Convenevoli con la modella o il modello

Adesso che è tutto pronto è la modella o il modello è arrivato nel luogo prescelto, spiegate in modo più dettagliato possibile cosa e come volete scattare: specificate se la modella o il modello devono essere completamente nudi o meno, o se deve utilizzare qualche cosa per coprirsi. Fategli fare un giro dello studio o dell’ambiente in cui intendete scattare e se presente fate due chiacchere anche con il possibile accompagnatore, infatti nel caso di una modella, difficilmente si presenterà da sola la prima volta che vi vede. Evitate sempre poi di fare commenti o battute sulla modella, oltre a essere poco professionale, potrebbe fare innervosire l’accompagnatore specie se è il suo fidanzato.

Questioni legali

Fatti questi pochi convenevoli utili soprattutto per mettere la modella o il modello a sui agio, sbrigate immediatamente le cose formali, trattandosi di foto di nudo è particolarmente importante identificare la modella o il modello, fategli quindi firmare la liberatoria e scattate una foto anche al suo documento di identità.
Come abbiamo detto La liberatoria è molto importante, perché permette poi la distribuzione della foto alle condizioni pattuite, ricordatevi poi di farne due copie, una da lasciare alla modella e una da portare a casa con voi.

Aspetto della modella

Almeno che non lo specifichiate prima, difficilmente la modella verrà da voi già truccata in quanto bisognerà fare un trucco adatto alle foto che volete scattare. In realtà se intendete fare foto di nudo artistico andrebbe fatto al naturale, tuttavia questo è un problema che riguarda più il viso della modella che il fotografo.
L’ideale sarebbe avere a disposizione un truccatore, in ogni caso ricordatevi di portare uno specchio con voi in modo che la modella possa eventualmente eseguire un make-up su vostra richiesta.
Altro aspetto da prendere in considerazione è quello dei capelli, è sempre meglio concordare con la modella come si deve pettinare, in genere tuttavia le modelle verranno con i capelli ben pettinati, infatti anche loro ci tengono a venire bene nelle vostre foto.
Fate anche attenzione ai tatuaggi e ai piercing, se non volete che si vedano cercate di nasconderli con qualche escamotage come ad esempio qualcosa che li copra, altrimenti dovrete eliminarli voi in post produzione. In alternativa la presenza di un tatuaggio può anche fornire uno spunto creativo come mostrato nella figura 1.

Figura 1: la modella finge di dipingersi il tatuaggio sulla gamba

Pronti via…

Tutto è pronto per cominciare, ma mentre la modella si prepara secondo le vostre istruzioni, può essere utile tenere il dito sul pulsante di scatto, pronto a catturare a sorpresa qualche foto interessante come quello visibile in figura 2, ripreso mentre la modella si stava spogliando sul set schioccando due dita per attirare la sua attenzione.

Figura 2: anche mentre la modella si prepara si può catturare qualche scatto interessante e spesso più spontaneo

Figura 2: anche mentre la modella si prepara si può catturare qualche scatto interessante e spesso più spontaneo

La modella o il modello adesso sono in posizione sul set, prima di cominciare il servizio vero e proprio conviene fare degli scatti di prova, infatti la colorazione della pelle, se troppo bianca può richiedere qualche aggiustamento delle luci, ricordatevi poi di scattare una foto con il cartoncino 18% che potrete eventualmente usare in post produzione. Fate inoltre qualche foto di “riscaldamento” facendo muovere la vostra modella, questo permetterà di instaurare un rapporto tra la modella e il fotografo mettendo entrambi a loro agio.

Figura 3: qualche foto di prova, anche se non completamente nuda mette a suo agio sia la modella sia il fotografo

Fate quindi assumere alla modella o al modello la posizione che desiderate eventualmente aiutandovi con i Photobook che avete creato in precedenza. Raggiungere il vostro obiettivo non è cosa semplice e dovrete fare diversi scatti prima di raggiungere quello che cercate, inoltre se la foto comprende anche il viso ricordatevi di dare sempre un punto da guardare alla modella, non è bello infatti vedere la modella in cerca di qualcosa da fissare mentre scattate la foto.
Quando siete pronti a scattare evitate di dirlo alla modella, meglio che non sappia quando lo fate in modo da avere un risultato più naturale e meno forzato.
Mentre scattate le foto non abbiate paura di dirigere la modella, di incoraggiarla e di farle dei complimenti, lo apprezzerà sicuramente e inoltre servirà anche per fare esperienza per lavori futuri.
Terminata la prima sequenza di scatti, fate vedere quanto fatto alla modella o al modello e commentate le foto insieme, non abbiate paura di dire il vostro parere e di dare consigli e allo stesso tempo ascoltate le osservazioni che potrebbero farvi.

Le posizioni

Come abbiamo avuto modo di dire, la posizione della modella o del modello è sempre importante nella fotografia e non a caso è proprio una delle cose più complicate da gestire. Se si tratta di modelli professionali potete cominciare con pose standard ma in questo modo le vostre foto saranno banali e simili a tante altre già realizzate, meglio allora far muovere la modella o il modello e fare molti scatti casuali da valutare in un secondo tempo. Questo vale a maggior ragione se state usando amici e conoscenti, che di certo non hanno nessuna esperienza come modelli.
Per fare questo chiedete al soggetto di muovere la testa, il busto di guardare in diverse direzione. Un classico sono le foto di fronte che permette molte piccole variazioni, basta infatti far girare il corpo della modella di pochi centimetri per dare maggiore movimento alla fotografia e sfinare la sua figura dando un maggiore risalto alle sue curve. Nella figura 4, potete vedere qualche semplice esempio di quello che intendiamo.

Figura 4: alcuni esempi di posizioni

Figura 4: alcuni esempi di posizioni

Nelle figure femminili le curve sono la cosa più importante e su cui dovrete lavorare per esaltarle e sfruttarle al meglio: un braccio piegato, o la testa piegata possono essere un segno di rottura rispetto a pose classiche, le forme geometriche che si creano con queste posizioni inoltre. cattureranno maggiormente l’attenzione dell’osservatore.
Un aspetto a cui dovrete fare molta attenzione sono le mani, cercate di integrarle nella vostra foto ad esempio appoggiandole sulle cosce o facendo appoggiare la modella o il modello sua qualche oggetto.
Nella figura 5, potete vedere ad esempio la modella con una mano appoggiata sulla spalla e l’altra sulla coscia.

Figura 5: anche la posizione delle mani ha la sua importanza in una composizione fotografica

Figura 5: anche la posizione delle mani ha la sua importanza in una composizione fotografica

Se desiderare fare delle foto con il vostro soggetto seduto potete infine usare sedie, poltrone o sgabelli dove sia possibile appoggiarsi per assumere diverse pose.
Per concludere fate attenzione a come la modella o il modello si posiziona rispetto alla luce infatti tenderà a tenere la luce alle spalle lasciando parte del corpo e il viso in penombra, meglio invece far spostare la modella o il modello verso la luce anche con pochi passi è possibile creare sempre nuovi effetti.

Come comportarsi

Conviene essere professionali o amichevoli? Questo naturalmente dipende molto dal tipo di rapporto che avete con la modella, se si tratta di una vostra amica, comportatevi come fate di solito con lei, invece se si tratta di una sconosciuta siate assolutamente professionali, non toccate mai la persona soprattutto se nuda, sempre che non si tratti della vostra fidanzata! Non potete sapere come prenderà il vostro gesto la modella o il suo accompagnatore, quindi se serve chiedete la sua assistenza.

Figura 6: dopo le foto di riscaldamento si può cominciare a scattare le foto per il servizio

Il tempo

La durata normale di un servizio fotografico è di circa due ore, cercate di non superarle, in particolare se lavorate sempre nella stessa zona, se siete in uno studio potrebbe volerci anche meno.
Ricordate sempre poi di dare una scaletta precisa alla modella prima del giorno del servizio in modo che si sappia regolare di conseguenza.

Fine del servizio

Una volta concluso il servizio, controllate che la modella raccolga tutte le sue cose, datele quindi un biglietto da visita con il vostro numero di telefono e pagate quanto previsto richiedendo una regolare ricevuta.
Date poi una scadenza per il ritiro degli scatti, le modelle infatti le usano per crearsi il loro book. Oggi giorno avete diversi metodi per inviare le foto, sia su CD sia usando qualche servizio cloud come DropBox o wetransfer. Ricordate sempre di dare foto in alta risoluzione e non ridotte di qualità.
Per concludere dite sempre che il servizio è andato bene, anche se non è così, bisogna sempre essere educati e non mancare mai di rispetto, sarà poi la modella stessa a stabilire se le foto sono venute bene o meno.

80%
80%
Voto
  • Giudizio degli utenti (693 Voti)
    10
Condividi:

Comments are closed.